Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie.
Percorso del Limone di Sicilia Interdonato

Percorso del Limone di Sicilia Interdonato

Dettagli itinerario

da Aprile a Ottobre

da 2 a 4 giorni

Sicilia

Percorso del Limone di Sicilia Interdonato

L’itinerario inizia con una visita presso l'Azienda Re Limone, interamente dedicata alla Lavorazione del Limone Interdonato. Si continua verso Fiumedinisi, borgo dell’entroterra non lontano dal mare, sorto sulle sponde dell’antico letto del fiume “Nisi”, per poi proseguire verso il Museo del Risorgimento di Nizza di Sicilia ed arrivare a Santa Teresa di Riva, che vanta il suo bellissimo lungomare.
Non lontano, si trova Savoca, con le sue chiese e con i suoi vicoli utilizzati per girare le scene del film Il Padrino di Francis Ford Coppola, che vi farà riassaporare tutta la sicilianità. Infine, il percorso terminerà con la visita alla splendida Taormina, con la sua vista mozzafiato dal Belvedere, e a Castelmola, che, oltre al suo fascino antico, vanta uno dei bar più particolari della zona, il Bar Torrisi.

Percorso del Limone di Sicilia Interdonato

Percorso in partenariato con: e

Nota: l’itinerario del Limone di Sicilia potrebbe far rientrare come tappe l’intera Sicilia; infatti, la coltivazione del limone è molto diffusa su tutto il suolo regionale. Il percorso che vi proponiamo in questa sede privilegia i territori di produzione del Limone Interdonato IGP.

Il limone ha origine in Birmania, a sud dell'Himalaya, dove si trova allo stato selvatico. Furono gli arabi intorno al X secolo a diffonderlo nel bacino del Mediterraneo dove la pianta del limone era tuttavia già presente e conosciuta. Nell'Ottocento la Campania e la Sicilia divennero le regioni più importanti per la sua produzione. ?
A Siracusa il limone ha trovato il suo territorio d'eccellenza che gli ha permesso di ottenere il riconoscimento IGP. In primavera la città si inebria di profumo di zagara, il fiore degli agrumi e i limoneti segnano il paesaggio. Qui la coltivazione del limone ha radici antiche, anche se inizialmente era praticata a puro scopo ornamentale.
Il limone è presente in Sicilia fin dal periodo bizantino-arabo.
Dapprima impiegato come pianta ornamentale e per il consumo locale, a partire dalla seconda metà del XVI secolo si pone al centro del comparto socio-economico, con lo sviluppo di una vera e propria attività di limonicoltura finalizzata alla commercializzazione anche al di fuori dei confini nazionali. Nel XIX secolo tutto il territorio della fascia ionica della provincia di Messina era conosciuto come la "terra dai giardini sempre verdi" e ogni aspetto della vita quotidiana, tanto sociale quanto commerciale ed economica, gravitava intorno a questa particolare varietà, conosciuta allora anche come "limone speciale" o "fino".
L'origine della cultivar del Limone Interdonato Messina IGP è attribuibile al colonnello garibaldino Giovanni Interdonato, da cui prende il nome. Molte fonti attestano che il colonnello, appassionato agrumicoltore, negli anni compresi tra il 1875 e il 1880 in una sua proprietà nella valle del fiume Nisi, eseguì qualcosa come 200 innesti per arrivare ad ottenere infine il giusto ibrido cedro-limone, adoperandosi poi affinché il frutto così ottenuto venisse apprezzato sul mercato.
Risultato finale fu un limone di dimensioni medio-grandi, molto simile al cedro, di sapore delicato e poco acidulo, con una buccia dolce a grana finissima, insolita nei limoni siciliani. Nacque così il limone Interdonato, chiamato anche “frutto fino”, che ben presto invase tutta la costiera ionica messinese, e in particolare le valli della fiumara del Nisi.
 
Il Limone Interdonato IGP è una varietà precoce, già pronto dalla fine di settembre: per un mese circa è l’unico limone sul mercato.
Grazie alla particolare dolcezza della polpa, trova un ampio e apprezzato impiego nelle più svariate ricette, oltre che nella preparazione di bevande di vario tipo. Il "limone zuccarato" è un piatto preparato con la polpa dei limoni tagliata a fette: ciascuna fetta è cosparsa di zucchero, anche esternamente e, una volta ricomposte a forma di limone, vengono lasciate macerare in frigorifero per un'intera notte. Ottimo anche come insalata, a fette sottili con olio aceto e sale, da solo o con fettine di altri agrumi. 


Tradizioni siciliane legate alla lavorazione del limone

Per saperne di più: 

Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia


Dove poter assaggiare il prodotto

Azienda Agricola Re Limone srl 
Reitana - 98021 - Alì Terme, Messina
Tel.: 3667072030 


 - Casale Romano 
Contrada Rinazzo - Via Nazionale 5
Motta Camastra - Frazione San Cataldo (Me)
Tel./Fax: 0942.989062 - Mobile: 333.4141343


 - Agriturismo Marino
via Apollo Archegeta, - 98035 Giardini Naxos (ME)
Tel.: 335 205024


 - Ristorante Villa Costanza
Contrada Croce
Fiumedinisi
Tel.: 333 344 2754

Itinerari correlati