Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie.
Percorso del Pomodoro di Pachino

Percorso del Pomodoro di Pachino

Dettagli itinerario

da Marzo a Novembre

da 3 a 4 giorni

Sicilia

Percorso del Pomodoro di Pachino

A spasso tra antichi borghi marinari, tonnare e spiagge incontaminate alla scoperta di un protagonista della tavola, il pomodoro pachino, gustoso e croccante. Il percorso parte proprio dal luogo che ha dato il nome a questa varietà, Pachino, situata nell’estremo sud della Sicilia. Da questa città, spesso baciata dal sole, vi sposterete a Marzamemi, borgo marinaro famoso per la sua tonnara in cui vi perderete tra i vicoli delle casuzze arabe. Il vostro itinerario continuerà a Portopalo di Capo Passero, con la sua Isola delle Correnti, e si concluderà ad Ispica dove resterete affascinati dal suggestivo parco archeologico delle Cave, un museo a cielo aperto.

Esperienze consigliate

Percorso del Pomodoro di Pachino

Il Pomodoro di Pachino IGP è un prodotto ortofrutticolo italiano a Indicazione geografica protetta. Viene prodotto tra Pachino e Portopalo di Capo Passero, e in parte dei territori comunali di Noto (SR) ed Ispica (RG).

E’ conosciuto ed apprezzato per il sapore, la consistenza e la sapidità della polpa. Ma anche per il colore intenso, la croccantezza e la lucentezza della buccia, caratteristiche derivanti dal terreno, la luce e la qualità delle acque della zona di Pachino. Contiene antiossidanti e vitamine in misura superiore rispetto ad altri pomodori analoghi, ragion per cui viene considerato di particolare valore salutistico e nutritivo.

Il disciplinare del Pomodoro di Pachino IGP tutela quattro tipologie diverse di pomodoro:
  • “Ciliegino”, facilmente riconoscibile per il caratteristico  aspetto “a ciliegia” su un grappolo a spina di pesce con frutti tondi, piccoli, dal colore intenso.
  • “Costoluto”: di grandi dimensioni, leggermente schiacciato, di colore verde brillante, polpa morbida e sapore aromatico. La raccolta può iniziare quando buona parte del frutto vira dal verde al rosso.
  • “Tondo liscio”: piccolo e rotondo, di colore scuro rosso acceso che si trasforma in verde in prossimità del picciolo, inconfondibile per il gusto intenso. Per apprezzarne le qualità è consigliato mangiarlo crudo.
  • “Grappolo”: a grappolo o snocciolato, può essere verde o rosso. Con polpa consistente e saporita. E' particolarmente adatto per essere cotto ripieno al forno, ma ottimo anche per insalata.

Itinerari correlati