Questo sito utilizza cookie di profilazione, eventualmente anche di terze parti, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso di tutti i cookie.
Percorso del Suino Nero dei Nebrodi

Percorso del Suino Nero dei Nebrodi

Dettagli itinerario

da Marzo a Novembre

da 2 a 3 giorni

Sicilia

Percorso del Suino Nero dei Nebrodi

Il percorso del Suino Nero dei Nebrodi si snoda attraverso quattro località legate al prodotto tipico: Sant'Angelo di Brolo, San Fratello, Cesarò ed il Monte Soro.
La prima tappa, immersa in una vallata tra i boschi, è famosa per la produzione di un tipo di salame IGP, il "Sant'Angelo di Brolo", oltre che per la bellezza di un borgo in cui sembra si sia fermato il tempo. A San Fratello e Cesarò, passando poi infine al Monte Soro, pur essendo più ostici da raggiungere, guidando tra curve e tornanti, sarà stupefacente osservare da vicino le tracce del passato che derivano dall’incrocio di molteplici culture.

Percorso del Suino Nero dei Nebrodi

Nota introduttiva:
I punti di interesse espressi in questo itinerario voglion rappresentare solo un "consiglio di percorso"; ricordiamo, infatti, che tutti i comuni presenti all'interno del Parco Naturale dei Nebrodi meritano di essere visitati, ognuno per le sue particolarità. Inoltre, in tutta l'area è possibile trovare e degustare il prodotto tipico in questione.

Il suino Nero dei Nebrodi, anche chiamato suino Nero Siciliano o suino Nero delle Madonie, è una razza autoctona italiana di maiale presente nei territori di San Fratello e Cesarò, in provincia di Messina, ma che si è diffusa sia sui monti Nebrodi (nel contesto del Parco regionale dei Nebrodi) che sulle Madonie.
L'allevamento di questo suino ha origini antiche: resti fossili e documenti scritti testimoniano la presenza di questi animali fin dal periodo della dominazione greca e cartaginese (VII-VI secolo). Durante tutto il Medioevo era diffuso l'allevamento allo stato brado, che subì una diminuzione solamente durante la dominazione araba per motivazioni di ordine religioso.
Sin dai primi anni del Novecento il suino Nero dei Nebrodi era di solito allevato in piccoli gruppi e si era diffuso l'incrocio con altre razze migliorate che però diede luogo a diverse varianti delle razze originali. Un altro fattore che ha determinato la riduzione del suino Nero Siciliano è stato la graduale scomparsa dei boschi che anticamente coprivano buona parte dei rilievi siciliani. Negli ultimi anni c'è stata una decisa ripresa dell'allevamento di questa razza, sulla quale sono stati effettuati diversi studi mirati in modo particolare alla valorizzazione delle sue produzioni.
 
Il Salame Sant'Angelo di Brolo (IGP) è uno dei più rinomati salumi preparati con la carne di maiale allevato sui Nebrodi, a pasta grossa, a Indicazione geografica protetta, prodotto a Sant'Angelo di Brolo, in provincia di Messina, e nei comuni limitrofi. Rinomato in tutta Italia, è un salame la cui carne fresca utilizzata proviene da razze selezionate tradizionali (Large White, Landrance e Duroc) o da animali derivanti da incroci tra queste razze e quelle autoctone. Il metodo di produzione, fatto di sapienti tradizioni, garantisce un prodotto di alta qualità dal sapore speziato e fragrante e dalla consistenza tenera e compatta.

Per saperne di più: Parco dei Nebrodi


Dove poter assaggiare il prodotto

- Ristorante Antica Filanda
C.da Raviola
98070 Capri Leone (Messina)
+39 094 1919704

Itinerari correlati